La Storia

Quando un gruppo di persone ha come minimo comune denominatore un interesse lavorativo, culturale, sportivo, o più in generale un argomento da condividere, da coltivare e nel quale riconoscersi, esso, tende a trovare un modo di organizzarsi per ampliare le proprie esperienze e divulgare il proprio pensiero.

Proprio per questo motivo, dopo tanti anni vissuti insieme all’insegna del Metodo Lucia Torri Cianci, non bastava più una semplice identificazione verbale o incontrarsi di tanto in tanto in qualche sede operativa. Bisognava dare un forte segnale di unità e di spirito di appartenenza ben delineati e riconosciuti a livello degli Organismi Regionali.

qualifica professionaleLa nostra qualifica professionale

Nasce così l’Associazione Professionale MAd’AN (Massaggiatori dell’Anima) – Riflessologi secondo il Metodo Lucia Torri Cianci. Un percorso professionale che garantisce per un certo numero di anni e di corsi la formazione e l’esperienza del Metodo. Infatti, per poter diventare un “associato”, serve una qualifica professionale medio alta. Inoltre si necessita la conoscenza teorica e manualistica del Metodo. Tutto questo si traduce in un gruppo di operatori della Riflessologia che utilizzano un linguaggio interpretativo e di analisi proprio del Metodo. Esso non è confondibile con altre scuole di pensiero o di operatività. L’Associazione inoltre offre dei servizi, quali aggiornamenti ed incontri, in esclusiva per gli associati.

L’associato non solo appartiene al mondo del Metodo, ma ne è un esponente di spicco. Infatti può vantare il superamento di una specifica selezione. Tale accuratezza nei programmi non poteva non ambire ad una collocazione “ufficiale” nell’ambito di una sede regionale. Infatti l’Associazione Professionale Mad’AN ha ottenuto a pieni voti il riconoscimento da parte della regione Friuli Venezia Giulia. La conseguenza è l’iscrizione all’albo delle associazioni (non) professionistiche. Questo significa non solo potersi vantare di un ordinamento talmente rigoroso e serio da essere coincidente con le direttive Regionali, ma poter accedere a tutti quei vantaggi che la posizione di accreditamento offre alla qualifica professionale stessa.

Possiamo dunque affermare che lo sforzo esercitato per ottenere questo risultato è stato ampiamente compensato. Spetta a voi ora dare un senso ed un seguito a tutto ciò, con la vostra presenza e collaborazione. Riteniamo infatti che il Metodo se lo meriti ampiamente.